Un sito sulle batterie ricaricabili e sul risparmio energetico

batterie Benvenuto! Su questo sito sono presenti le più interessanti proposte di caricabatterie delle più importanti case di produzione. Troverai link per la vendita sul web come anche link alle stesse case produttrici.

CaricaBatterie.biz, presenta le più convenienti offerte online per l'acquisto di caricabatterie, e se non basta, vi sono anche dei link consigliati per l'acquisto di specifici modelli o marche. Attenzione al fatto che oltre ai caricabatteria, è anche possibile trovare articoli e sezioni dedicate alle batterie ricaricabili e alle varie tecnologie di costruzione, per capire meglio quale batteria ricaricabile è più adatta alle tue necessità

Sei in cerca di una potente batteria al litio? Un caricabatteria al nickel cadmio? Stai cercando come eliminare l'effetto memoria sulle tue batterie ricaricabili? Se vuoi documentarti meglio prima di un acquisto importante, qui ci auguriamo che tu possa trovare le risposte che cerchi alle domande comuni in merito ai caricabatteria e alle batterie ricaricabili. Buona Navigazione!

Il caricabatteria è un apparechio elettrico utilizzato per ricaricare accumulatori e batterie ricaricabili. Tipicamente, la batteria viene ricaricata se riceve una corrente costante continua della stessa intensità di quella erogata dalla batteria stessa quando si trova in piena carica.

Beh, diciamo che questo era vero fino a 15 anni fa... Oggi anche i più semplici caricabatteria sono moderati da uno specifico circuito di controllo che impedisce che si verifichi un sovraccarico, come anche si preoccupano di ottimizzare il consumo della corrente.

Alcuni poi, scaricano volutamente e completamente la batteria e solo a quel punto iniziano a ricaricarla.


Qualche cenno tecnico

pile Nonostante l'evoluzione tecnica delle batterie ricaricabili, dovuta sopratutto alla diffusione di computer portatili e sopratutto di telefonini sempre più potenti, la maggio parte di esse soffrono ancora oggi di un "effetto memoria". Ma di cosa si tratta?

In sostanza accade che la batteria "ricorda" il livello massimo di carica ricevuta, antecedente alla ultima odierna carica; in altre parole se la penultima volta la batteria fosse stata ricaricata al 60% della sua carica massima, potrebbe accadere che alla successiva ricarica, nonostante il lasciare la batteria in carica tutto il tempo necessario (e anche oltre), ci sarebbe effettivamente il rischio che la batteria non superi il livello antecedente del 60%, deteriorandosi prima del tempo.

Questo accade tipicamente alle batterie al Nichel/Cadmio, e in minor misura anche alle batterie al Nichel/Metallo.

Per risolvere completamente questo problema, può essere necessario scaricare completamente la batteria e poi ricaricarla al massimo,almeno due volte al mese.

Per quanto riguarda i caricabatteria, si deve sapere che essi si suddividono in modelli destinati alle piccole pile ricaricabili, come anche in modelli di dimensioni simili a quelle di una scatola di scarpe, utilizzati principalmente per ricaricare batterie di grosse dimensioni e capacità, quali ad esempio batterie per auto, motori a scoppio o grosse lampade alogene.

Questi ultimi poi, hanno un funzionamento particolare, chiamato "corrente di avviamento"; si tratta di una funzione che consente di erogare, per un periodo di tempo limitato, una corrente continua più elevata della sua capacità media di erogazione.

Il funzionamento tecnico del caricabatteria, può variare da un modello all'altro; ad esempio, alcuni di questi richiedono una corrente regolare (amperaggio), mentre altri necessitano di una tensione costate (voltaggio) Per fare qualche esempio, si pensi al caricabatterie da auto; esso richiede una corrente regolare (amperaggio), mentre un caricabatterie più piccolo, pensato per un elettrodomestico, necessita invece di una tensione costante (voltaggio).

Man mano che la batteria va ricaricandosi, si noterà una riduzione del consumo energetico, fino a quando la corrente ricevuta.

Gli accessori più comuni e utili del caricabatteria, abbiamo generalmente un led luminoso che indica se la carica sta avvenendo oppure se è stata ultimata. Vi sono però anche degli amperometri che indicano in tempo reale il passaggio di corrente e di tensione.

In ultimo, si deve sapere che è spesso possibile definire un tipo di ricarica "breve" o "rapida", come anche un tipo di ricarica "completa" o "accurata". Alcuni modelli di batterie permettono di ricevere quella che si chiama "ricarica tampone"; si tratta di un circuito particolare di un preciso caricabatteria che permette alla batteria che riceve la carica, di preservarla più a lungo nel tempo.

I dispositivi elettronici di massa (computer portatili, netbook, smartphone, navigatori satellitari e altro), utilizzano solitamente delle batterie ricaricabili molto piccole, in formati denominati AAA, AA, C, D. I lettori musicali, telefoni cordless, videocamere, utensili elettrici a batteria, avvitatori, trapani, fotocamere digitali, palmari e altro usano ancora batterie con formati non standard e con tenologie più evolute. Le automobili invece hanno una batteria ricaricabile di notevole dimensione e potenza, che alimenta l'impianto elettrico a 12V della vettura.
Per un approfondimento consigliamo di consultare gli articoli specifici nel menù laterale.